Riecco il derby, Sbisà: «A Pordenone a mente sgombra»

Vigilia di derby in casa Maccan Prata. Finalmente, dopo due rinvii, alle 21 di domani i riflettori del PalaFlora si accenderanno sul confronto di andata fra gialloneri e Pordenone, a una quarantina di giorni appena da quello di ritorno. Cose che succedono, ai tempi del coronavirus, in un calendario scandito fin dall’inizio da spostamenti, recuperi e gare saltate.

Alta la posta in palio, ma per mister Marco Sbisà la bilancia peserà sicuramente di più per i neroverdi. «Questa partita è più importante per il Pordenone che per noi – attacca il tecnico –, perché la loro è una squadra creata per i play-off; forse addirittura pensavano di poter lottare per vincere, poi però si è visto che le tre davanti erano fuori portata per tutti. Fatto sta che mentre il nostro obiettivo, la salvezza, è stato matematicamente raggiunto, il loro è ancora a rischio, per cui questo confronto ha per loro un’importanza vitale. Per noi, viceversa, tutto quello che può venirci in più in questo finale di campionato è una gioia e una grande soddisfazione, ma certo non abbiamo nessun assillo».

Come, dunque, approcciarsi a questo derby? «Andiamo lì a mente sgombra – prosegue Sbisà –: moralmente stiamo molto bene, fisicamente i venti giorni di stop ancora si sentono. Veniamo da ottimi allenamenti, in un clima buono. Sabato abbiamo tirato fuori energie che non sapevamo di avere; abbiamo imparato che la testa può fare la differenza in gare come quella che ci aspetta, e loro non vengono certo da un bel momento. Sono tranquillo: sappiamo benissimo cosa dobbiamo fare e che giochiamo contro una squadra più forte, ma ci sono momenti in cui i valori non corrispondono sempre a quelli reali, perché subentrano altri fattori».

Dal Veneto, intanto, il duo chiamato a dirigere l’incontro, composto da Amarildo Hoxha di Este e Daniele Marco Ciriotto di Treviso; udinese il cronometrista Luca Carboni. Le difficoltà non mancheranno ai gialloneri, ancora una volta costretti a fare a meno di Cocchetto e di Buriola, che ha ripreso ad allenarsi da solo dopo l’infortunio d’inizio febbraio; non sarà della partita nemmeno Zocchi, ammonito per la quinta volta sabato pomeriggio. Si stringerà i denti, dunque, puntando ancora una volta sui tre ingredienti vincenti del successo sul Miti: cuore, grinta e cinismo.

Under-19, nessuno scampo contro il Manzano
Altro ko per un’under-19 a ranghi ridottissimi

Post correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.

Questo sito web utilizza cookies per garantire il corretto funzionamento dei servizi offerti e per migliorare l’esperienza d’uso delle applicazioni on-line; può contenere componenti multimediali di terze parti, i quali possono generare a loro volta cookies sui quali non è possibile avere controllo; per ulteriori informazioni consulta la nostra informativa

Questi contenuti non sono disponibili con i cookies disabilitati.

Queste funzionalità identificate come “%SERVICE_NAME%” sono disabilitate in base alle Tue preferenze; per visualizzarne i contenuti è necessario abilitare i cookie: clicca qui per modificare le Tue preferenze.